Centenario Pier Paolo Pasolini

 

Il 5 marzo 2022 marcherà il centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini. Ripercorriamo i momenti essenziali della vita dello scrittore attraverso il nostro archivio e gli scatti di importanti fotografi del Novecento italiano.

 

foto ritratto di pasolini a casa della madre nel 1971
Portrait of the Italian writer and director Pier Paolo Pasolini at his mother's home, 1971 © Sandro Becchetti / Bridgeman Images

 

Pier Paolo Pasolini nasce nel 1922 a Bologna dove, dopo aver trascorso la prima infanzia in a Casarsa in Friuli, prosegue gli studi superiori e universitari. La sua formazione è più libera di quanto non si possa pensare nonostante il Fascismo: studia i classici greci e vede i film di René Clair, si appassiona con Roberto Longhi all’estetica e alle arti figurative ma anche al calcio. Legge Freud ma anche Ungaretti, Montale, Quasimodo.

 

Il suo primo incontro con la poesia è in dialetto friulano: Poesie a Casarsa (1942), poco dopo si laurea con una tesi su Giovanni Pascoli.

 

La guerra passa veloce: viene arruolato solo dopo l’Armistizio ma diserta quasi subito. Ritiratosi con la madre a Versuta, i due aprono una scuola in casa per i ragazzi della zona. Il Friuli diviene luogo di grande ispirazione per la poesia e gli scritti di Pasolini per il resto degli anni Quaranta, fino al trasferimento a Roma nel 1950. Così come prezioso risulta il rapporto con la madre Susanna, con cui furono legatissimi - come testimoniano diversi reportage degli anni Sessanta nello studio dello scrittore. 

 

foto di pasolini e di sua madre susanna colussi nel 1960
Pier Paolo Pasolini with his mother Susanna Colussi, Rome, 1960 (b/w photo)  © Federico Garolla / Bridgeman Images

 

 

Roma e gli anni Cinquanta consacrano PPP come intellettuale esuberante e anti-conformista. Impegnato sia nel campo del cinema che della scrittura (si mantiene con l’insegnamento) l’autore ottiene il primo successo di pubblico con Ragazzi di vita (Garzanti, 1955), che gli vale anche i primi scandali con l’esclusione dai principali premi letterari e un’indagine per contenuti pornografici. A tal punto dette scandalo che il successivo  romanzo per Garzanti, Una vita violenta (1959), fu oggetto di un lungo lavoro di autocensura.

 

immagine di pasolini seduto su una balaustra a venezia con un amico
Italian director Pierpaolo Pasolini sitting on a balustrade with a friend of his smoking a cigarette, Venice, 1950s : With His Friend / Photo © Archivio Cameraphoto Epoche / Bridgeman Images

 

  

Gli anni Sessanta sono invece segnati dall’amicizia con Elsa Morante e Alberto Moravia. Memorabile nel 1961 il viaggio in India: Pasolini e Moravia vengono incaricati rispettivamente da Il Giorno e dal Corriera della Sera di approfondire la situazione sociale del paese dopo la dichiarazione di indipendenza e l’insediamento di Nehru. 

 

foto di pasolini, elsa morante e alberto moravia
Elsa Morante, Alberto Moravia e Pier Paolo Pasolini / Farabola / Bridgeman Images

 

Gli anni Sessanta sono fondamentali anche per il Cinema, che vede Pasolini sceneggiatore e regista. 

 

Inizia la scrittura di Accattone, che viene prima rifiutato da Federico Fellini e poi prodotto da Alfredo Bini (aiuto regista Bernardo Bertolucci). Il film non ottenne il visto della censura ma fu proiettato fuori concorso al Festival di Venezia del 1961, divenendo il primo film italiano con il divieto di visione da parte dei minori di 18 anni.  

 

foto di pasolini che gioca a calcio con rafazzini a centocelle nel 1960, anni 60
Pier Paolo Pasolini plays football with boys from the township of Centocelle, Italy, 1960 (b/w photo) / © Federico Garolla / Bridgeman Images

 

Gli scandali legati a Pasolini, in un’Italia del dopoguerra cattolicissima e moralista, si susseguono. Il mediometraggio La Ricotta per esempio esce il 1 marzo 1963 e viene ritirato il giorno stesso per "vilipendio alla religione di Stato". Dopo il processo, il film viene sequestrato.

 

foto di pasolini con cinepresa sul set del film La Ricotta
23/10/1962. Pier Paolo Pasolini durante le riprese del  film "La Ricotta " / Farabola / Bridgeman Images

 

I film di quegli anni sono ricchi di suggestioni e citazioni dal mondo dell’arte: La Ricotta con Pontormo e Rosso Fiorentino, Il Vangelo Secondo Matteo con Goya e El Greco, il surrealismo di Uccellacci e Uccellini.

 

Parallelamente Pasolini realizza Comizi d’amore, un film inchiesta sulla sessualità degli italiani. E’ il 1963.  

 

foto di pasolini in spiaggia che intervista una coppia per il documentario Comizi d'amore. Il film esplora temi come omosessualità e sessualità
Filming of the documentary “Comizi d'amore”, director Pier Paolo Pasolini (1922 - 1975) questions people about sexuality, homosexuality... (a study of morals of the Italian society) 1964. / © Mario Dondero / Bridgeman Images

 

Nel marzo 1968 viene pubblicato Teorema. Ma il 1968 è anche l’anno delle rivolte studentesche e di Valle Giulia, in occasione di cui Pasolini non coglie di catalizzare polemiche con la poesia Il P.C.I. ai giovani! e un famoso articolo su L’Espresso in cui va contro gli scontri stessi, accusando i ribelli di essere solo dei “figli di papà”.


 

immagine di due soldati che arrestano uno studente durante la manifestazione studentesca a Valle Giulia a Roma nel 68
 01/03/1968 Manifestazione studentesca a Valle Giulia (Battaglia di Valle Giulia) Roma. Photo Vergari © AGF / Leemage / Bridgeman Images

 

Il 1970 si apre con la prima opera del suo Trittico “dedicato alla vita” con Il Decameron, cui seguirono I racconti di Canterbury e Il fiore delle Mille e una notte. Tutti grandi successo di pubblico. 

 

Pasolini in Yemen con le comparse del film Decameron
Italian film maker Pier Paolo Pasolini, directs villagers appearing as extras in 'Decameron'. He was filming in Yemen, Nov. 20, 1970 / CSU Archives / Everett Collection / Bridgeman Images

 

 

 

Degli anni Settanta anche la produzione giornalistica, iniziata con articoli d’opinione su Tempo e poi trasferitasi sulle pagine del Corriere della Sera, Il Mondo, Paese Sera (1973-1975). Gli articoli sono stati poi raccolti nel volume Scritti Corsari e trattano di politica e costume: l’aborto, il divorzio, la Democrazia Cristiana, le stragi solo per citarne alcuni.

 

foto di poster in piazza duomo a milano per il referendum sul divorzio del 1974
Milan 04/1974. Campagna per il Referendum sul divorzio del 12/05/1974. Poster in Piazza del Duomo a Milano / Farabola / Bridgeman Images

 

Pasolini muore a Ostia tra il 1 e 2 novembre del 1975. Del barbaro omicidio viene accusato Pino Pelosi, un ragazzo di strada. Dopo tre settimane esce Salò o le 120 giornate di Sodoma, il suo ultimo film come autore e regista.

 

foto del dunerale di pasolini a Roma nel 1975, si vede Franco Citti che porta la bara sulle sue spalle
Funeral of the writer and director Pier Paolo Pasolini, November 1975 (Franco Citti carries the coffin) Rome Italy Photography / © Sandro Becchetti / Bridgeman Images

 

Vuoi approfondire la vita di Pasolini attraverso i reportage di importanti fotografi rappresentati da Bridgeman Images?

Pasolini nelle foto di Mario Dondero 

Pasolini nelle foto di Federico Garolla 

Pasolini nelle foto di Sandro Becchetti 

Pasolini nelle foto Farabola 

 

Leggi di più su PPP (Pier Paolo Pasolini):

Centenario Pier Paolo Pasolini

L’Italia di Pier Paolo Pasolini - 100 anni dalla nascita​

10 ritratti di Pier Paolo Pasolini

I Film di Pier Paolo Pasolini

 

 

Portrait of Pier Paolo Pasolini at the time of shooting the film La rabbia ( Rage) in 1963. / © Mario Dondero / Bridgeman Images

 

Il nostro servizio di ricerca iconografica gratuita è sempre a disposizione, perché non approfittarne? Se avete domande in merito alle ricerche o alle immagini di licenza, non esitate a contattarci.





 


Ritorna in cima alla pagina